L’attestato alla Cuoca settantenne: Marisa Maccioni diplomata Chef - RistoStar
16078
single,single-post,postid-16078,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-3,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

L’attestato alla Cuoca settantenne: Marisa Maccioni diplomata Chef

nazione07-07-12

L’attestato alla Cuoca settantenne: Marisa Maccioni diplomata Chef

Rimettersi in gioco a settant’anni non è facile. E’ una missione possibile se di quegli anni se ne sentono venti di meno, nel fisico ma soprattutto nello spirito. E se si crede nella sfida della qualità.

Così Marisa Maccioni di Certaldo ha conseguito il diploma dell’Accademia italiana chef dalle mani di Simone Falcini, che ne ha curato la preparazione. Lei, insieme al marito Mauro Cavallini e alle figlie Sandra e Maria Silvia gestisce da ben diciotto anni il ristorante “Antico borgo” di Iano, splendida frazione al confine di Montaione a due passi da San Vivaldo e Castelfalfi.

«Lavoriamo da marzo a ottobre – spiega la figlia Sandra – principalmente con cliente la straniera, che cerca qui la cucina tradizionale toscana. Insieme alla pizza, è davvero quello il nostro piatto forte; nonostante questo cercavamo qualcosa di nuovo, era giunto il momento di introdurre qualche novità». Ed ecco che entra in campo Simone Falcini con l’Accademia, lui ormai pluripremiato a livello nazionale soprattutto per il finger food: «Qui non c’era certo da cambiare il menù – spiega Simone – quanto piuttosto da innovare qualcosina nella presentazione, nelle portate, negli abbinamenti. Ho trovato nella signora Marisa una alunna entusiasta e diligente, desiderosa lei per prima di sperimentare le sue “storiche” e fortissime ricette in una luce nuova››.

Marisa fa sfoggio di modestia, ma quel diploma conquistato dopo tanti anni di lavoro lo tiene stretto al cuore: «Il nostro impegno – dice insieme al marito Mauro che la segue passo passo in questa sfida – è mantenere alta la qualità nonostante la crisi che ci impone prezzi alla portata di tutti. E questo lo si può fare se puntiamo su materie prime eccellenti (le nostre vengono tutte da questo territorio), su una lavorazione che faccia tesoro dell’esperienza e su una presentazione che sappia catturare la curiosità degli ospiti».

Vai all’articolo