Arte e Passione per presentare il Made in Italy: chef si diventa, non si nasce - RistoStar
16082
single,single-post,postid-16082,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-3,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Arte e Passione per presentare il Made in Italy: chef si diventa, non si nasce

accademialogo

Arte e Passione per presentare il Made in Italy: chef si diventa, non si nasce

La Nazione 27 Gennaio 2012

Ha preso ufficialmente il via il corso di formazione di cuoco organizzato dall’Accademia Italiana Chef.

Nuova la location scelta: si tratta del nuovo ristorante «Asfalto nero» che ha recentemente aperto al Terrafino, e dove lavora Simone Falcini, master chef dell’Aic e fra i promotori del corso. Alle 15 si sono presentati gli allievi in giacca bianca e cuffia da cuoco ed hanno iniziato la prima delle tredici lezioni, dopo un’introduzione da parte del presidente dell’Accademia Giuseppe Siesto: «La nostra – ha detto Siesto agli allievi – è una scuola di formazione seria che si prefigge di ottenere della vera competenza in una cucina reale che educhi cuochi professionisti capaci di creare e tradurre in realtà un menù di alta qualità». Dopo il presidente, è stata la volta del Master Chef Simone Falcini che ha richiesto un impegno serio e costante per ottenere ciò che la scuola si prefigge.

La prima lezione è stata dedicata a «Pane e panificazione››. Gli allievi hanno così iniziato ufficialmente nella pratica la loro avventura, con attenzione ed entusiasmo. Questo che si tiene da «Asfalto nero›› al Terrafino è il primo di una serie di cicli di corsi. Il prossimo inizierà ai primi di marzo.

L’Accademia Italiana Chef ha avuto moltissime richieste di adesioni e di corsi, provenienti sia dal nostro circondario che dalla zona di Firenze e si propone di ingrandirsi molto in questo anno. «Abbiamo in programma una serie di corsi anche serali per veri e propri amatori che vogliono aumentare le proprie conoscenze culinarie. Questo è un settore di forte interesse che attira la richiesta di molti» afferma Simone Falcini anticipando qualche nuovo programma per il 2012.

In fondo, una scuola di formazione come l’Accademia italiana chef si prefigge di mantenere alto lo standard del made in Italy in tutto il mondo. Non solo, ma lo chef qualificato è molto richiesto sul mercato del lavoro. «E” vero – dice con orgoglio Falcini – nell’ultimo mese l’Accademia ha assegnato tre posti di lavoro in ristorante per tre propri diplomati».

Fonte: Accademia Italiana Chef (leggi)